Teatro De’ Servi, si potrebbe morire dal ridere

In analisi da anni perché ossessionato dalla paura di morire, sotto consiglio del suo psicanalista, l’uomo cerca di esorcizzare le sue ansie recandosi tutti i giorni al cimitero, partecipando anche ai funerali di persone sconosciute. Riccardo si innamora della vedova nera, la signora bella e misteriosa dai segreti sconcertanti ma, non avendo il coraggio di parlarle, inizia a corteggiarla solo dopo che lei mostra un timido interesse nei suoi confronti. Storie parallele si intrecciano alla prima, un fratello e sorella calabresi banchettano con prelibatezze a base di n’duja e peperoncino davanti alla tomba del nonno e un sentimental-killer professionista vestito di nero, con un accento da Jonny Stecchino che si reca a trovare i “destinatari” dei suoi servizi, arricchiscono lo scenario e tingono di giallo questa particolare storia d’amore. I divertenti monologhi del protagonista maschile rivolti alle anime del cimitero (il pubblico), la trama insolita, un finale a sorpresa (perché la vedova si reca ogni giorno al cimitero? Qual è il suo scopo?) nonostante una protagonista leggermente monotona e monotòna, rendono lo spettacolo da consigliare.

 

Teatro De’ Servi
Via del Mortaro 22 Info:066795130
Orario spettacoli:
dal martedì al venerdì ore 21.00
sabato ore 17.30 e ore 21.00
domenica ore 17.30
Prezzo biglietti: intero 20,00 ridotto 16,00
Ufficio stampa teatro: Fabi & Ghinfanti tel. 06 58300330

Vuoi commentare l'articolo?

Gianluca Gaeta

Il Direttore - Nasce come giornalista d'inchiesta, spaziando tra politica e cronaca. Dirige negli anni le testate giornalistiche ccsnews e parolibero infine approda a LineaDiretta24. Tra le sue attività, c'è quella di sindacalista. Viene eletto all'unanimità Segretario Nazionale dell' Associazione sindacale autonoma Giornalisti Italiani "Asagi". Esperto di sicurezza sul lavoro e di contrattazione sindacale. Si batte per la tutela dei lavoratori non solo in ambito giornalistico. L'inchiesta, il suo primo amore, non lo molla e non la molla mai.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->