Teatro ad Agosto: nel cemento fiorisce Corvialeide

E’ di pochi giorni fa (31 Luglio) la diffusione del bando del Comune di Roma che promuove l’ideazione e la realizzazione di un nuovo progetto architettonico ed urbanistico per l’area del Serpentone di Corviale, con lo stanziamento di 9,5 milioni di euro. L’obiettivo del concorso è quello di “rigenerare” questo spazio, dopo un primo tentativo fallito nel 2009, tenendo in conto elementi fondamentali come l’ecologia e l’ecosostenibilità.

Allo stesso modo si parla di una rigenerazione, per Corvialeide, festival di danza, musica e teatro dal sapore epico che si svolge in questi giorni nel piccolo anfiteatro di cemento del Corviale. Fino al 29 Agosto una delle periferie più complicate di Roma, offrirà lo spazio per due appuntamenti settimanali dedicati all’arte e allo spettacolo.

Dal 31 Luglio, tutti i venerdì e sabato alle ore 21.00 la rassegna, ideata e realizzata da Edda Gaber e Jacopo Sabar Giacchino, ospita dieci diversi appuntamenti, che avranno la missione di portare e riportare il teatro tra le persone, tra gli spazi urbani della quotidianità, in una cornice non convenzionale che si prepara a offrire molte soprese.

Si comincia il 31 Luglio e 1 Agosto con “Fiori per Algernon” e “Tre attacchi di materia” di Edda Gaber. Venerdì 7 Agosto tocca a “Monsieur Le Pauvre” di e con Jacopo Sabar Giacchino, mentre sabato 8 Agosto andrà in scena “Postumi tra le avventure di Pinocchio”, di e con Manuela Schiano. Si festeggia il fine settimana di Ferragosto con la musica dei Ferry Boat il 14 Agosto e di nuovo teatro il 15 Agosto con “La Trappola” di e con Mariapia Cammarata. Ancora un altro fine settimana, con “Nastro” di Manuel Cascone e Francesco Petricca il 21 Agosto e “Xenofilia“, per la regia di Lorenzo Ciambrelli il 22. Si chiude con “Madlet – Will I Am Shake Speare“, di e con Riccardo Frattolillo (28 Agosto) e “Dove metterò i piedi? Affetta di isteria rivoluzionaria“, di e con Elisa Turco Liveri il 29 Agosto. Tutti gli spettacoli sono a sottoscrizione libera.

Vuoi commentare l'articolo?

Lavinia Martini