Sissy boy al Teatro Lo Spazio

Un uomo, in questo caso l’attore Galliano Mariani, si trova da solo sul palco a raccontare una storia, nello spettacolo la sua storia; raccontando e rivivendo le tappe della propria vita in una tragica, ma pur sempre comica conferenza. La recitazione è intervallata e accompagnata da alcune foto che scorrono su uno schermo che si trova alla destra del palco. Se vi doveste trovare per pura casualità, dato che i posti non sono assegnati, dietro la colonna portante della struttura, vi troverete, come me, a dondolare come un vecchietto che da un momento all’altro potrebbe cadere dalla sedia. Il signor S.B., da bambino ha subito una terapia correttiva a causa del suo comportamento effeminato, del suo amore per le Barbie e per l’ammirazione per Maga Maghella. Sin dalla tenera età, infatti, combatte per riappropriarsi dei propri desideri e della propria personalità. Una battaglia che lo accompagnerà per tutta la vita.

Il testo è liberamente ispirato alla vera storia di Kirk Andrew Murphy, il quale nel 1974 fu sottoposto a un esperimento condotto dallo psicologo George Rekers dell’Università di Los Angeles. Tale esperimento era volto a correggere i comportamenti effeminati nei bambini maschi che potevano essere corretti con 18-22 mesi di terapia settimanale durante l’infanzia e l’adolescenza, prevenendo così la loro eventuale omosessualità. La repressione e il soffocamento dei desideri sono i temi centrali dello spettacolo, riadattati naturalmente in una versione italiana. L’ironia e la maestria della recitazione di Mariani riescono a narrare una storia drammatica in maniera efficace ed emozionante. Appena finita la “conferenza” tutto il pubblico è indotto a riflettere, a prescindere dalla sua natura sessuale, se nella propria vita c’è stato un “George Rekers”, qualcuno che ci ha tarpato le ali, magari qualcuno che ha cancellato i nostri desideri, i nostri sogni, i nostri istinti facendoli precipitare in un pozzo nero. È difficile tornare a essere se stessi, quando se stessi non lo si è mai stati o lo si è stati per poco tempo.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Arianna Arete Martorelli

Nasce a Roma lo stesso giorno di Francesco Facchinetti, che coincide casualmente con la data di morte di Leonardo da Vinci. Dopo il primo vero colloquio della sua vita, nell’ottobre 2013 diventa redattrice della sezione cultura e spettacolo per Lineadiretta24.it tra un articolo e un altro, nel tempo libero, si interessa di molte cose: cinema, teatro, fotografia, musica… concretamente gira, vede gente, si muove, conosce, fa cose. Dopo la laurea vorrebbe partire alla volta di New York per intervistare David Letterman. Spera di non dover mai scendere a compromessi meschini, odia bere l’acqua dalle tazze e i “no” a prescindere, crede fermamente che comunque, in fin dei conti, il destino ha sempre più fantasia di noi.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->