Presentata la nuova stagione 2016/2017 del Teatro Argot

Finalmente un tema che ci procura grande nervosismo: la felicità”: la conferenza stampa tenutasi per la presentazione della nuova stagione del Teatro Argot, dal titolo La felicità è una cosa semplice, si apre con questo divertentissimo monologo recitato da Gioia Salvatori.

stagione del teatro argot“Ci saranno due stagioni- dice Tiziano Panici, direttore artistico del Teatro insieme con Francesco Frangipane- per cui abbiamo deciso di distinguere tra gli spettacoli a lunga tenitura (stagione large) dagli spettacoli fruibili solo nei weekend (stagione small)” per un totale di venti produzioni in cui coesistono contemporaneità e classici. Ufficialmente la stagione large si aprirà il 4 ottobre con l’interessantissima Misantropo- ovvero liberi esperimenti dell’arte del vivere sociale di Moliere riadattata e diretta dallo stesso Frangipane,  per poi proseguire il 2 novembre con La Tempesta di Skakespeare, per la regia di Maurizio Panici. Intanto la stagione small prende il via il 25 ottobre con Alice Dragstore, della compagnia OcchisulMondo, che cercherà di sezionare l’uomo contemporaneo, svelando le sue paure. Da segnalare sicuramente lo spettacolo che andrà in scena dal 20 al 22 dicembre, Le città invisibili di Italo Calvino, curato da Tiziano Panici, laddove ci sarà il coinvolgimento non solo del teatro, ma anche della musica e delle arti visive, grazie al Invisiblecities- Urbam Multimedia Festival. Dal 31 gennaio si riparte invece con una lunga tenitura, Le muse orfane di Bouchard, diretta da Paolo Zuccari: questa, insieme all’opera di LaBute che esordisce il 28 marzo, Dall’altra parte del bosco, rappresentano le due drammaturgie nordiche presenti all’interno della programmazione di quest’anno. Il 26 aprile sarà la data che inaugura la conclusione della stagione large con lo spettacolo di Giuseppe Tantillo, Senza glutine; mentre la stagione small si concluderà il 13 aprile con l’ultima messa in scena di Confirmation, di Cris Thorpe.
Last, but not least, lo spettacolo Niente panico di Luca Avagliano che aprirà ufficiosamente la stagione del Teatro Argot il 20 settembre: “indossando il suo comodo pigiama” Luca si presenta alla conferenza stampa, dandoci un assaggio di quello che sarà uno spettacolo tutto da ridere tra i mille dubbi e le mille incertezze che assalgono la sua mente, che lo porteranno ad un inarrestabile flusso di coscienza.

stagione del teatro argotMa all’Argot non si è solo spettatori: ecco allora che nasce Inside in collaborazione con PAV, che sarà l’occasione per professionisti e compagnie teatrali, di prendere parte a diversi percorsi formativi, dalla recitazione in inglese, alla recitazione davanti alla macchina da presa, per cui ci saranno incontri con, tra gli altri, Marco Risi, Massimiliano Bruno, Edoardo Leo, Daniele Vicari. Importante anche l’attenzione rivolta ai giovani nella stagione del Teatro Argot: il teatro mantiene infatti attivo il progetto di management in ambito artistico realizzato in collaborazione con il Teatro India e il Teatro dell’Orologio, Dominio Pubblico ( 30 maggio-4 giugno), e quello di scrittura creativa per il teatro, a cura di Nogu Teatro (21-26 marzo).

 

Vai alla home page di Linea Diretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @ludovicapal

 

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta