Palle di neve: un film sull’importanza del gioco

Palle di neve esce nelle sale il 24 novembre e promette di essere un vero gioiellino di animazione; un film semplice, soffice e cristallino come la neve che fa da cornice alle avventure dei protagonisti. In un paesino di montagna, un gruppo di bambini decide di trascorrere le vacanze invernali istituendo una vera e propria guerra a suon di tromba e palle di neve. Il nerd della simpatica brigata, Franky “quattr’occhi”, costruisce un incredibile fortino che la squadra avversaria capitanata da Luke tenterà di abbattere. Tuttavia, la sfida che nasce come un gioco si trasforma presto in un’acerrimo conflitto tra i due schieramenti che porterà ad una triste conclusione, superabile solamente con l’amicizia. Durante questi giorni di battaglia, infatti, i bambini si trovano inconsapevolmente a dover fare delle scelte che mettono in campo valori importanti quali la speranza, la lealtà e la collaborazione.

Si tratta di un lungometraggio senza grandi pretese d’incassi e, forse, questa rassicurante semplicità è la chiave del successo di Palle di neve che gioca sulle corde emotive della tenerezza, della gioia infantile e della nostalgia. La forte empatia verso Luke, Sophie, Manolo, Jack, Lucy e i loro amici è assicurata dall’assenza degli adulti. palle di neveL’unica visione del mondo che ci guida è quella dei personaggi: Palle di neve è una piccola storia che racconta la grande scoperta dell’interiorità da parte dei piccoli protagonisti. È per questo che, seppur del tutto indirizzato ai bambini, la pellicola riesce a commuovere anche papà, mamma, nonno e zia.

Nonostante non si tratti di una grande produzione Dreamworks o Pixar o Disney, la realizzazione di questo cartone animato ha potuto contare sulla collaborazioni di grandi menti creative ed esperte del Quebec. Il regista Jean-François Pouliot, vanta competenze che vanno da creazioni stereoscopiche per l’Esposizione Universale di Hangai del 2010, a viaggi virtuali per il museo dei fiordi di Sagnenay, fino a spot televisivi. Il capo animatore Jim Van Der Keyl prese parte a grandi progetti quali La Sirenetta, Il gigante di ferro e Kung-Fu Panda. La colonna sonora di questo film, pubblicata dalla Sony Music Entertainment Canada, si pregia invece del nome di Celine Dion, l’orgoglio canadese della musica pop e già premio Oscar come miglior canzone originale per My heart will go on e Beauty and the beast.

Vai alla home page di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@letiziadelpizzo

Vuoi commentare l'articolo?

Letizia Del Pizzo

Mi chiamo Letizia Del Pizzo e sono nata a Roma nel 1991. Ho una laurea magistrale in Lettere Moderne e al momento frequento un master in Economia e Gestione dell'Arte e dei Beni Culturali presso la Business School di Roma de Il Sole 24Ore. Ho viaggiato molto, ma il mio sogno è contemplare il paesaggio silenzioso intorno alle rovine di Machu Picchu. Trascorro il mio tempo libero dedicandomi alla lettura, al cinema e alle serie tv. Adoro passeggiare con miei amici per la città e scoprire le continue iniziative culturali. Mi piacerebbe diventare una giornalista, una scrittrice o una critica cinematografica, perché sono convinta che le passioni acquistano valore quando vengono trasmesse.