“Non ti Fissare!” Le ossessioni da morire dal ridere

Non ti fissare! Tu chiamale se vuoi ossessioni  l’esilarante nuova commedia che la compagnia “Come risolvere in 2” mette in scena per la prima volta al Teatro Trastevere dal 19 al 31 Gennaio.

Non riuscite a separarvi nemmeno per un secondo dal vostro Iphone? Vivete per instagram? Oppure non riuscite per un solo istante a smettere di pensare al sesso e alle donne? Il lavoro vi toglie il sonno? Siete ipocondriaci e lo xanax lo spalmate a merenda su un toast? Bene! Allora preparatevi a ridere e a riconoscervi nei tic e nelle ossessioni dei protagonisti di Non ti fissare! che con le loro tragicomiche nevrosi danno vita ad una commedia dinamica, frizzante e piena di ironia, che vi farà ridere a crepapelle per tutto il tempo, con battute e gag mai scontate, facendovi trascorrere un paio d’ore di puro divertimento.

Non ti fissare! Tu chiamale se vuoi ossessioni è una commedia molto ben riuscita, che intrattiene il pubblico facendolo ridere di gusto, grazie soprattutto ad un cast di giovani e bravissimi attori: Alessandro Di Somma, Maria Antonia Fama, Ermenegildo Marciante, Lidia Miceli e Francesco Bonaccorso, tutti diretti dalla regia di Velia Viti e perfetti per interpretare uno strambo gruppo di cinque sconosciuti, in viaggio su di un pullman, che si trovano di notte bloccati per strada, a causa di un guasto al motore nel bel mezzo del nulla. Ma soprattutto fatto ancor più “grave” per i nostri nevrotici protagonisti, senza possibilità alcuna, di usare i cellulari perchè il bus è finito in un’area in cui non c’è campo.

Da questo momento in poi, scopriremo tutta la follia che questo gruppo sgangherato senza pudori, ci confesserà: un autista imbranato ed ipocondriaco, una donna single ed ossessionata dalla ricerca del principe azzurro, un erotomane che si rivelerà un insospettabile mammone, una cinica donna in carriera ossessionata solo dal lavoro ed in preda all’ansia, infine un nerd fissato con i social-network costantemente con le mani sul cellulare e piuttosto allergico alle persone in carne ed ossa. Ognuno di loro sarà costretto a condividere le sue manie con i propri compagni di viaggio e reagirà a modo suo alla disavventura in cui il bizzarro gruppetto è capitato, suscitando un tourbillon surreale di visioni, ossessioni, gag, strepitose e scontri – incontri, conditi da battute efficaci e trovate originali e spassose, apprezzatissime dal pubblico.

Non ti fissare Scritto a quattro mani da due giovani e talentuosi autori, Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca, Non ti fissare. Tu chiamale se vuoi ossessioni trae ispirazione dalle opere di Nick Hornby, celebre scrittore e sceneggiatore britannico( “About a Boy”; “Febbre a 90°” ecc.) da cui riprende le atmosfere surreali ed il ritmo brillante della narrazioni. Come nella migliore delle tradizioni della commedia italiana, la piece funziona perchè dipinge con humour un quadro preciso, sarcastico, grottesco, ma sempre molto verosimile, delle contraddizioni e delle nevrosi della società contemporanea, facendoci guardare con simpatia ai difetti di molte persone che incontriamo facilmente nella vita di tutti i giorni a partire da noi stessi.

Fino al 31 gennaio sarà possibile approfittare delle ultime repliche dello spettacolo Non ti fissare. Tu chiamale se vuoi ossessioni!  Una rappresentazione che non vi lascerà delusi, ma anzi vi divertirà permettendovi di esorcizzare con tante risate le piccole grandi manie di tutti i giorni.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Franci

Sono nata a Roma e mi sono laureata con lode in scienze della comunicazione. Mi occupo di marketing ed eventi, amo le sfide e scrivere. Sogno di viaggiare in tutto il mondo e appena posso lo faccio. Ho un debole per la buona cucina e le cose belle, il cinema ed imparare sempre cose nuove.