Moms il primo varietà sulla maternità al Teatro Belli

“Pannolino bagnato o non bagnato? Questo il dilemma!” L’esasperata Linda, madre di due gemelli, confessa ad una platea divertita di donne consapevoli e uomini noncuranti, gli innumerevoli dubbi e le atroci ansie di cui tutte le madri sono vittime. Il suo racconto, spontaneamente ironico e stressato è uno degli sketch di Moms il primo varietà sulla maternità in scena al Teatro Belli fino al 14 dicembre. Silvia Siravo insieme a Laura Mazzi, Valentina Martino Ghiglia e Carla Ferraro per la regia di Ferdinando Ceriani interpretano uno spettacolo tratto da Mom’s the word, la pluripremiata piece che ha appassionato gli spettatori d’oltreoceano con un divertente e intimo sguardo sulla maternità. Le quattro attrici, affiatatissime e versatili, già apprezzate nella commedia Tacchi Misti nella quale ironizzavano sui caratteri del sesso debole, si cimentano questa volta nei ritratti di nuovi stereotipi: le mamme. Da Alice, l’insicura, madre di un figlio prematuro, a Roberta, la dura, che si promette di non diventare apprensiva e allarmista come tutte le madri, ma pronta anche lei e cedere inevitabilmente al primo pianto o agli occhietti dolci del bambino. Infine Debora, che cerca di mantenere un equilibrio nella triplice identità di donna, moglie e mamma.

Quattro donne diverse accomunate da notti insonni, pianti disperati, ormoni impazziti e reazioni schizofreniche di gioia e trepidazione che solo la maternità può provocare. Lo spettacolo è un susseguirsi di battute, sketch e canzoni. Il palcoscenico è semplice ma funzionale ai cambi di scena e alle piccole coreografie. L’efficacia della commedia sta nella concomitanza comicità-verità. “Chi vuol essere in maternità?”, “Rischio jouer” o “Sono una donna non solo una mamma”, sono infatti alcuni dei momenti esilaranti dello show nei quali il pubblico, sia femminile che maschile, si riconosce. Moms è il primo spettacolo che rappresenta con la giusta leggerezza l’anima “multitasking” di tutte le mamme.

Twitter: @vale_polly

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina De Vincenti