La nuova stagione dell’Auditorium Parco della Musica

Si è tenuta ieri la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione delle arti dell’Auditorium Parco della Musica, aperta in grande stile dalla New Talent Jazz Orchestra diretta da Mario Corvini per poi lasciare spazio al Presidente della Fondazione Musica per Roma, Aurelio Regina, che ha parlato di numeri: “dall’1 gennaio al 19 ottobre 2016 abbiamo registrato 258.000 spettatori per circa 490 eventi in programma. Nello stesso periodo gennaio – ottobre, l’incasso lordo si è attestato su 8.136.000 euro di incassi. Purtroppo in un quinquennio il contributo pubblico ha subìto una defezione del 40%. Il nostro impegno prioritario è infatti quello di mantenere la qualità e la quantità degli eventi. In questo senso l’Art Bonus rappresenta una risorsa fondamentale.”

stagione delle arti

©Musacchio & Ianniello

Ma se Regina parla di numeri, l’Assessore alla Crescita Culturale di Roma Capitale, Luca Bergamo, afferma che “le istituzioni culturali non devono limitarsi a dare la migliore offerta culturale al pubblico pagante, la programmazione più bella, ma devono riuscire a trasformare la posizione di forza in cui si trovano, sostenute dalle istituzioni, per cercare di ridistribuire l’offerta a più ampio raggio.” E’ d’accordo l’Amministratore Delegato José R. Dosal, che ha parlato di “una profonda indagine svolta per capire quali sono le esigenze del pubblico”, sottolineando come “si è lavorato per preservare molti format storici, impostare una nuova strategia non solo di comunicazione visuale ma anche di programmazione, per raggiungere gli obiettivi enumerati un anno fa: “giovani”, “internazionalizzazione”, “Auditorium 2.0”, “territorio”, “Auditorium va in città”.

La nuova stagione delle Arti si preannuncia quindi ricca di eventi, che cercano di soddisfare le esigenze del pubblico più variegato: ospiterà ben 11 festival e rassegne, tra cui ricordiamo Luglio suona bene nella splendida Cavea, l’imminente Roma Jazz Festival, Taste of Roma, Libri come e il Festival della danza Equilibrio, quest’anno affidato al maestro Roger Salas, anche lui presente alla conferenza. Un’importante novità è poi rappresentata dal Roma Rock, un festival dedicato alla musica emergente affidato a Gino Castaldo ed Ernesto Assante. La nuova stagione delle arti prevede inoltre 170 ore di lezioni in cui si parlerà di arte, storia e musica, e circa 250 concerti, per cui Dosal preannuncia due grandi nomi: Patti Smith e Bob Dylan.

stagione delle arti

©Musacchio & Ianniello

E ancora mostre, spettacoli teatrali (come quello del grandissimo Proietti, presente alla conferenza), incontri d’autore con Guccini, Gianna Nannini e tanti altri per un totale di 500 eventi. Quest’anno una grande attenzione sarà dedicata alle famiglie, per cui è nato il nuovo format Auditorium Family, e ai giovani, per i quali è stata ideata l’Auditorium Card, che permetterà di prendere parte alle attività dell’Auditorium in maniera più attiva, oltre che usufruire di vantaggiosi sconti. Insomma l’Auditorium si avvia a diventare “uno spazio da vivere e far vivere“, per riprendere le parole di Dosal: perciò correte, la stagione delle arti 2016/17 è alle porte!

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @ludovicapal

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta