Globe Theatre 2015, a Roma Shakespeare sotto le stelle

Tanta determinazione e molta malinconia. Questa l’atmosfera alla conferenza stampa di presentazione della nuova stagione del Silvano Toti Globe Theatre. Da una parte l’eccellenza delle compagnie che si esibiranno sul palco del’unico teatro elisabettiano d’Italia, dall’altra la frustrazione senza lieto fine di problemi organizzativi. “Se finora abbiamo avuto un sostegno economico da parte delle istituzioni, quest’anno non ci sarà. Non conosco fino in fondo i motivi politici, ma avevo già preso personalmente impegni morali con attori, registi e tecnici e quindi ho deciso che la stagione si doveva fare.” Con queste parole il direttore artistico Gigi Protetti consegna alla stampa il calendario di spettacoli in partenza dal 2 luglio al 27 settembre a Villa Borghese, trovando immediato riscontro nell’Assessore alla Cultura e al Turismo di Roma Capitale Giovanna Marinelli, che gli siede accanto “E’ un quadro difficile quello dell’amministrazione comunale perché ha ereditato grandi buchi di bilancio.” spiega ” Il teatro da Roma in giù non sta bene, è un momento di difficoltà a livello nazionale”.

Le 56mila presenze dello scorso anno sono, però, la ragione per cui non rinunciare agli spettacoli.E allora diamo il via a un’estate che sarà festosa e coinvolgente”, chiosa l’attore romano. Si parte con Sogno di Una Notte di Mezza Estate, a firma dell’indimenticabile Riccardo Cavallo, in scena fino al 12 luglio, una storia che continua ad emozionare e far sognare raccontando il tempo breve della felicità con un sottile sottofondo di malinconia. Da giovedì 16 luglio al 2 agosto il testimone passa invece al Re Lear di Daniele Salvo in un’analisi del Potere e dei suoi effetti sulla mente umana, per poi essere raccolto da Molto Rumore per nulla di Loredana Scaramella, favola illuminane sulla forza della parola, in scena dal 5 al 30 agosto. A chiudere la stagione, a settembre, ci sono l‘Otello di Marco Carniti, grande metafora dell’identità e della fragilità umana e, dulcis in fundo, The Comedy of Errors, la prima rappresentazione in lingua inglese ospitata al Globe, sul palco dal 24 al 27 settembre, per vivere ancora più intensamente la magia del teatro shakesperiano sotto le luci di Villa Borghese.

Credits foto: ©MarcoBorrelli

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Elisabetta Zuccari

Per lavoro e per passione racconto storie. Dalle esistenze straordinarie di persone comuni ai "pancini sospetti" del Gossip. Giornalista in divenire, classe 1989, curiosa. Spio tutto e tutti: voi non sapete chi sono io, ma io potrei già sapere chi siete voi.