Gabriels and the Italian Cute Nymphet, l’incarnazione della merce e la degradazione del mondo moderno

Nell’affacciarsi a questo nuovo mondo si scopre infatti la commistione dei capolavori dei due artistisì come una sorta di montaggio critico, al cui centro è il nesso tra la Ninfa moderna (étant Dunny) dell’artista romano e La raffica di Canonica. I due artisti dialogano attraverso l’accostamento di immagini legate al pathos della Ninfa, alla sua progressiva caduta e degradazione nel mondo moderno e contemporaneo fino all’attuale incarnazione nella merce, che costituisce il fine primo della mostra. La stessa disposizione delle statue in bronzo lucidato a specchio (questa una delle tante peculiarità delle opere esposte) non è casuale: l’accostamento – vero e proprio – dei  capolavori di Gabriels con quelli di Pietro Canonica è visibile sin dai primi passaggi della mostra.

 

Gabrielli reinterpreta secondo la tradizione culturale europea, con ironia intellettuale, lo stereotipo della forma infantile enfatizzata (cuteness), sul quale sono fondate le principali correnti Neo-Pop: il Superflat giapponese (Murakami, Nara) e il Pop-Surrealism americano (Ryden, Schorr, Williams), icone alle quali si ispira. Quella dei giocattoli infatti è una delle passioni che ha accompagnato e accompagna Paolo Gabrielli nella sua creatività e nella manifestazione della sua sensibilità artistica. Difatti, stando alle sue testuali parole, ha sempre saputo che nella vita avrebbe continuato a sognare giocattoli senza avere il benché minimo interesse per il gioco. Passando attraverso la categoria estetica della cuteness, i “giocattoli per malinconici” di Gabriels mettono in scena singolari immagini dialettiche: piccole illuminazioni rispetto al mondo di sogno dei feticci industriali, preziosi soprassalti, scomposizione della merce sino alla riscoperta del primitivismo ab origine. La mostra raccoglie tutta la produzione dell’artista, gioielli inclusi.

Le sculture in bronzo, pezzi unici di dimensioni ridotte sia per quanto riguarda la finitura sia per quanto riguarda la progettazione, si possono scomporre in più di cento pezzi ad incastro come modelli anatomici fantastici, o trasformare mediante complessi meccanismi, o suonare, grazie a carillon interni. L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali con la collaborazione del Centro Italiano Studi e Indagini.

Vuoi commentare l'articolo?

admin

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->