Flemming un thriller americano allo Stabile del Giallo

Quello che ha trionfato l’altra sera sul palcoscenico dello Stabile, è stata la grande professionalità degli attori e di tutti quelli che hanno lavorato a questo progetto. Se si entra perplessi o magari con poche aspettative sullo spettacolo a cui si sta per assistere, dopo un paio d’ore ci si ritroverà fuori da Via al Sesto Miglio 78 completamente ricreduti e divertiti. Quello che Flemming un thriller americano  offre, è molto più di una piacevole serata. La curiosa storia del protagonista Henry Flemming, interpretato magistralmente da un bravissimo Antonio Palumbo, pronto a vivere una nuova vita inseguendo il suo sogno di fare l’investigatore privato, terrà tutti gli spettatori col fiato sospeso. Impossibile non seguire con attenzione le vicende e le peripezie che vivrà Henry Flemming e le persone a lui vicino, tra guai, omicidi e attimi di suspence che spesso si alternano a quelli di comicità.

Però, il successo di Flemming un thriller americano, non si può rilegare solo alla buona sceneggiatura, a un’accattivante regia, quella di Sebastiano Bianco e alla bravura di tutti gli attori: Enrico DiTroia, Anna Masullo, Enrico Ottaviano, Paola Migneco e Lucia NicoliniOltre tutti questi elementi indispensabili, lo spettacolo ha un’altra caratteristica che lo rende originale, quella di essere un giallo interattivoDurante un breve intervallo, lo spettatore potrà rispondere alle domande relative la vicenda appena vista, su un “questionario giallo”. Chi si avvicinerà di più alla verità nascosta fino al termine dello spettacolo vincerà un premio. Lo Stabile del Giallo ha indovinato una formula vincente per tutti gli appassionati di teatro che potranno vedere “Flemming” un giallo interattivo, fino al 26 gennaio 2014. Volete un consiglio? Andate a vedere Flemming un thriller americano, ne uscirete fieri come se foste voi Sam Bobrick.

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Annalisa Manta

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->