Nasce l’uovo vegano: l’idea è di quattro studentesse

È nato prima l’uovo o prima la gallina? Dimenticate questa domanda poiché da oggi non avrà motivo di esistere: è nato l’ uovo vegano. L’idea – frutto di un anno e mezzo circa di sperimentazione – è di quattro studentesse del corso di laurea magistrale in Scienze e tecnologie alimentari dell’Università di Udine, Francesca Zuccolo, Greta Titton, Arianna Roi e Aurora Gobessi.

“L’uovo vegano – spiegano le inventrici ad Adnkronos- è vendibile in negozi alimentari biologici, vegetariani e vegani, ma anche in qualsiasi supermercato, vista la sempre crescente richiesta di prodotti di questo tipo da parte dei consumatori. Nella messa a punto del prodotto le difficoltà – raccontano le ricercatrici – sono state soprattutto di carattere tecnologico e nella scelta degli ingredienti. Solo dopo numerose prove siamo riuscite ad ottenere la formulazione ottimale in termini di consistenza e gusto del prodotto finito”.”Il raggiungimento del centesimo brevetto – commenta con soddisfazione Antonio Abramo, delegato ai brevetti – è un traguardo importante per un ateneo giovane come il nostro. Ci rende particolarmente orgogliosi perché frutto della fantasia inventiva di quattro giovani studentesse”. Il progetto che ha permesso questa sperimentazione fa parte di un corso universitario durante il quale gli studenti vengono invitati a ideare e realizzare in laboratorio un’innovazione di prodotto alimentare. Monica Anese, docente di scienze e tecnologie alimentari, ha spiegato: “Il progetto è teso a sperimentare nuove modalità di erogazione della didattica, il cui scopo è favorire il trasferimento delle conoscenze teoriche sul piano applicato e ottenere un riscontro diretto dal mondo produttivo, mettendo in gioco non solo competenze professionali ma anche abilità personali, quali le capacità comunicative e di lavorare in gruppo”.

L’uovo vegano (sodo) si presenta – nella sua veste estetica – uguale a un normale uovo di gallina, ma è interamente prodotto con ingredienti di origine vegetale. Consigliato a persone che soffrono di ipercolesterolemia o celiachia (essendo privo di colesterolo e glutine), il suddetto uovo è stato ‘creato’ principalmente – o probabilmente – per essere un nuovo ingrediente eticamente idoneo a decorare i piatti vegani ed eticamente corretto al palato dei consumatori.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Mariachiara Oliva

Più conosciuta sotto falsa identità, i suoi migliori amici sono i libri, la musica e la scrittura. Cura un blog e ha scritto un lungo componimento poetico, ma sempre sotto falso nome. Non ama parlare di sé, preferisce che lo facciano gli altri. Ma in sua presenza, che sia chiaro. Da quando collabora con TV & Costume ha capito che il televisore non è solo un'estensione del tavolino.