Dinner in the Sky, cenare ad alta quota con gli chef stellati

Mancano ufficialmente meno di 60 giorni all’inizio dell’evento più atteso dalla Capitale: è in arrivo Dinner in the Sky,  l’esperienza gustativa ad alta quota più famosa nel mondo, capace di trasformare l’ordinarietà di un pasto in un momento straordinario.

Dal 15 al 30 settembre, ogni giorno, ventidue commensali a turno potranno godere della vista della Città Eterna da una prospettiva del tutto esclusiva – una finestra speciale a ben 50 metri da terra.
Un’avventura assolutamente mozzafiato e ad un passo dalle stelle, in tutti i sensi. I fortunati, infatti, potranno non solo ammirare gli astri da una vertiginosa altezza, ma anche osservare le più note Stelle Michelin all’opera, impegnate ai fornelli per preparare un pasto senza precedenti.
Dinner in the Sky, infatti, ospiterà sulla sua risto-piattaforma (larga 5 metri e lunga 9) 14 tra i migliori chef stellati. Ad inaugurare la prima serata e a chiudere l’evento ci penseranno i piatti di due donne, Iside de Cesare e Christina Bowerman.
Iside, romana d’origine, ha lavorato a lungo a fianco del noto chef Gualtiero Marchesi ed, oggi, è la chef de La Parolina, uno dei ristoranti gourmet più apprezzati d’Italia; Cristina, unica donna Chef Ambassador di Expo Milano 2015, è la vincitrice del Premio Identità Nuove Sfide 2016, e da anni propone quotidianamente la sua cucina presso il rinomato Glass Hostaria.

Dinner in the Sky

Al loro fianco, nella ricca lista di nomi, troviamo Riccardo di Giacinto (16/09), Giuseppe Di Iorio (17/09), Luciano Monosilio (18/09), Gianfranco Pascucci (19/09), Cristiano Tomei (20/09), Stefano Callegaro (21/09), Francesco Apreda (22/09), Andrea Fusco (23/09), Kotaro Noda (24/09), Marco Martini (25/09), Antony Genovese (26/09), Lele Usai (27/09), Alba Esteve Ruiz (28/09) e Roy Caceres (29/09)

Oltre 40, fino ad ora, sono stati i paesi toccati da Dinner in the Sky, eppure, prima di oggi, il Cupolone non era mai stato scelto come sfondo. La risto-piattaforma si solleverà, grazie ad un’imponente gru di 120 tonnellate, dalla Città dell’Altra Economia, nel quartiere Testaccio. Per potersi accaparrare un posto in questo speciale tavolo sarà necessarioacquistare il biglietto che partirà da un prezzo di 48 euro, per il Wine Tasting in the Sky, fino ad arrivare a 159 euro nella sessione serale, in cui si gusterà la cena in compagnia dello chef del giorno che presenterà le sue creazioni e il menù.  Chi vorrà potrà scegliere anche tra le formule lunch, brunch, aperitivo e cocktail.

Cardiopalmo sarà la parola d’ordine. E se a farvi battere il cuore sarà la paura dell’altezza o l’eccezionalità della cucina sarete solo voi a poterlo dire: non vi resta, quindi, che acquistare il biglietto, salire sulla piattaforma, lasciarvi legare alle poltrone come se doveste saltare nel vuoto e prepararvi a lanciarvi in un’esperienza gastronomica che difficilmente riuscirete a dimenticare!

 

 

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Beatrice Gentili

Spettatrice compulsiva di serie tv, dopo aver visto 8 puntate di fila, non capisce più quale sia la finzione e quale la realtà. A breve collega di Freud, ama follemente il cibo e la sua famiglia. La sua valvola di sfogo preferita è il clacson della macchina. I biscotti con l'uvetta che sembrano biscotti al cioccolato sono il motivo principale per cui ha problemi di fiducia.