Roma si prepara alla parata del 2 Giugno

Negli ultimi due anni ci eravamo abituati ad una parata in chiave austerity, ma con l’avvento del rottamatore Renzi le celebrazioni saranno un po’ meno low cost. Nonostante il fatto che mezzi e reparti a cavallo rimarranno parcheggiati in caserma, per conferire maggiore solennità al 68°compleanno della nostra cara Repubblica torneranno alla ribalta le acrobazie delle Frecce Tricolori. La famosissima Pattuglia acrobatica dell’Aeronautica si esibirà in due momenti di focale importanza: quello dell’Alzabandiera per la deposizione della corona all’Altare della Patria, alla presenza del Presidente della Repubblica e delle più alte cariche istituzionali e nella fase conclusiva dell’evento.

{ads1}

Inoltre, quest’anno, la celebrazione sarà un vero e proprio tuffo nella storia. La tematica infatti sarà la celebrazione del Centenario della Grande Guerra. Nel primo dei sette settori, quindi, saranno presenti in uniforme storica della 1° Guerra Mondiale una compagnia dell’Esercito, della Marina, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana. In questo settore sfileranno anche tre mezzi storici.

Lo schema degli altri settori sarà identico a quello dello scorso anno: 2° settore Esercito, 3° settore Marina, 4° settore Aeronautica, 5° settore Carabinieri, 6° settore Corpi militari e ausiliari dello Stato (Guardia di finanza, Corpo Militare della Cri/Sovrano Ordine di Malta (Smom), Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana e i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.
Nel 7° settore sfileranno i Corpi armati e non dello Stato (Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria Corpo Forestale, Vigili del fuoco; Servizio civile nazionale, Compagnia Polizia Roma Capitale, Protezione civile ).
Chiuderà la sfilata, della durata di circa un’ora, la Fanfara dei Bersaglieri e una compagnia di bersaglieri che sfilerà di corsa dinanzi al Presidente della Repubblica e delle più alte cariche dello Stato.
Quest’anno non saranno presenti rappresentanze internazionali allo scopo di dare maggiore risalto alle organizzazioni (Onu, Nato e Ue) sotto l’egida delle quali l’Italia partecipa alle missioni all’estero. In particolar modo, in occasione del semestre italiano di presidenza europea, nel primo settore saranno presenti le bandiere di tutte le missioni dell’Unione Europea a cui l’Italia partecipa.
In totale i partecipanti alla parata saranno 3.500 (cento in più rispetto al 2013) ma si parla di una minima variazione dei costi che si aggireranno pur sempre intorno al 1,9 milioni di euro, rispetto ai 1,5 dello scorso anno.

 

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

ilaria maria lembo

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->