“Giustizia umiliata”, avvocati in piazza

Tra la folla si scorge un’avvocatessa vestita di bianco, a personificare la “Iustitia” innocente. Decise le parole di Mauro Vaglio, presidente dell’ordine degli avvocati di Roma, che dice: “Stanno cancellando i diritti democratici del cittadino con la falsa giustificazione di ridurre i tempi dei processi. Ce lo chiede l’Europa e la scusa che dicono è invece stanno assassinando la Costituzione”. Presente al corteo anche Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma, nonostante non tutti siano d’accordo con la presenza di personaggi politici alla manifestazione, come Raffele Russo del Consiglio dell’ordine degli avvocati di Torre Annunziata , che li ritiene “amici delle banche, una lobby che ha rovinato la giustizia e l’Italia”.

{ads1}

In 100 sono giunti a Roma dalla Sardegna, per unirsi alla manifestazione nazionale. Insieme per urlare che la giustizia non si crea ammazzando le cause, insieme per sottolineare la necessità di un numero maggiore di giudici e personale amministrativo. Gli avvocati chiedono sia revocata la legge che ha introdotto la motivazione delle sentenze a pagamento, un aumento dei diritti di notifica e la diminuzione dei rimborsi per gratuito patrocinio. L’agitazione iniziata martedì ha coinvolto legali da tutte le udienze, con il comune obiettivo di “protestare contro il deterioramento del sistema giudiziario in Italia e l’introduzione di ulteriori ostacoli per l’accesso alla giustizia per il cittadino”.

 

Vuoi commentare l'articolo?

francesca ferroni

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->