Perchè amo il mio peccato al Teatro Kopo

PERCHÈ AMO IL MIO PECCATO
libero adattamento di “Storie di una capinera”
di Diego Placidi
con Francesca Verzaro, Giovanna Cappuccio, Nunzia Mita; e l’unico attore Diego Placidi
regia Diego Placidi
dal 14 al 18 maggio 2014
TEATRO KOPÓ

Ritorna in scena Perchè amo il mio peccato diretto da Diego Placidi. Al Teatro Kopó di Roma Francesca Verzaro, Giovanna Cappuccio, Nunzia Mita e Diego Placidi sono i protagonisti dal 14 al 18 maggio di una surreale e di chiara ispirazione ghotic dark del libero adattamento di Storie di una capinera.
Maria non più bambina e non ancora è donna. Il solo peccato che abbia mai commesso è stato amare; cammina triste, spaurita, disperata e quasi folle, lungo il viale dei ricordi. Suo compagno di viaggio un destino, ormai nemico.

Pur rimanendo aderente al testo dell’autore, è stata messa da parte la costruzione epistolare. In Perché amo il mio peccato sono stati aggiunti personaggi inesistenti nel testo originale che rendono la storia molto più discorsiva. Lo spettacolo è ovviamente incentrato sulla protagonista Maria, sulla sua scoperta di una vita differente da quella a cui è abituata, ad un amore diverso da quello che pensava di conoscere. Ma in più, in questo viaggio dei ricordi, è accompagnata da un “Destino” che si concretizza con le figure mitologiche delle MOIRE. In Perché amo il mio peccato gli attori sono padroni della scena, fatta eccezione per un unico elemento scenografico. Una messa in scena cupa, piuttosto claustrofobica, quasi surreale.

PERCHÈ AMO IL MIO PECCATO
libero adattamento di Storie di una capinera
diretto da Diego Placidi
con Francesca Verzaro, Giovanna Cappuccio, Nunzia Mita; e l’unico attore Diego Placidi
Luci e Fonia Mauro Boninfante

TEATRO KOPÓ
via Vestricio Spurinna 47/49
14/18 maggio 2014
aperitivo ore 20.00 spettacolo ore 21.00
Biglietto 10.00 +2.00
Info e prenotazioni: 06.45.65.00.52 _ botteghino@teatrokopo.it

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione Parolibero

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->