Gamification: cos’è, come funziona e perché oggi è importante

Gamification: cos’è, come funziona e perché oggi è importante

Sempre più spesso si sente parlare di gamification. Come dice la parola stessa tale termine fa riferimento in origine al gioco e al divertimento semplici, tramutandosi solo poi in qualcosa capace di andare a stimolare un’azione da parte degli utenti. In pratica, quindi, la gamification è un modo oggi per fare marketing e coinvolgere l’utente attivamente, spingendolo all’azione. La gamification è quindi l’applicazione di una serie di regole e strategie prese dal mondo dei giochi per raggiungere determinati obiettivi di marketing.

La logica alla base del sistema è quella di fornire una motivazione allo stesso. Come si fa? Fornendo premi o stimolando lo spirito di competizione dell’utente. Le “armi” della gamification sono quindi il coinvolgimento attivo (l’elemento psicologico) e il divertimento (frutto della tecnologia), capaci di alleggerire il peso psicologico delle scadenze, del traguardo da raggiungere etc.

Slot machine e il metodo gamification

Un classico esempio di utilizzo della gamification sono i giochi online, come le slot machine per esempio. Per coinvolgere nel gioco il partecipante e consentirgli di divertirsi la prima cosa è fornire una piattaforma funzionale, bella da vedere, intrigante nei suoni e nei colori. Le tipologie di slot machine sono diverse cosicché ogni player possa scegliere quella che gli è più affine.

Il secondo passo è quello di consentirgli di giocare gratuitamente tutte le nuove slot, cosicché possa partecipare senza spendere nulla ma abbia comunque la possibilità, ovviamente, di vincere qualcosa. In sostanza si fornisce una motivazione, si danno al giocatore gli strumenti e si dà uno spunto da cui partire.

Tali meccaniche ludiche da sempre impiegate nel mondo dei videogames e delle slot machine trovano oggi spazio, per esempio, anche nelle imprese, dove lo si utilizza per stimolare il team al raggiungimento degli obiettivi aziendali. I campi di applicazione del metodo gamification sono tuttavia diversi, ovvero tutti quelli dove ci sono obiettivi da raggiungere e si possono introdurre le meccaniche del gioco.

Conseguenze del metodo

Il metodo gamification funziona perché di fatto i giochi piacciono a tutti e consentono di mettere da parte, anche se per un momento determinato, lo stress, i problemi, l’ansia di raggiungere un traguardo. Quando ci si siede a giocare si è invece pieni di ottimismo e curiosità. La persona è pervasa da quello che si definisce eustress, cioè uno stress ma in positivo, inebriante, stimolante, adrenalinico.

In realtà oggi si assiste tuttavia spesso a un’esagerazione dell’applicazione di queste strategie nella comunicazione delle aziende, tanto che si finisce col far fatica in certi contesti a distinguere fra i giochi e le attività cosiddette “gamificate”. Il gioco è infatti solo un canale dove fare un’esperienza e divertirsi, nelle attività invece le cose sono un po’ più serie, a volte non sempre positive.

Per capirci, al di fuori del gioco non sempre si può tornare indietro o è possibile modificare l’esperienza, per questo l’approccio dovrebbe essere diverso, indipendentemente da come le cose siano state “vendute”. Al di fuori del mondo dei giochi, quindi, il metodo gamification va preso con le pinze, anche se di certo ha i suoi vantaggi. Se molti problemi del mondo fossero affrontati con l’entusiasmo che si spende nei giochi si potrebbero sicuramente raggiungere risultati migliori.

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione