Debutta al Teatro Hamlet lo spettacolo Frammenti

Il 10 e 11 Settembre 2016 andrà in scena Frammenti di Giulia Cacciamani, con Christina Fusco e Francesco Meloni. Frammenti rappresenta la realtà frammentaria di ogni individuo e contemporaneamente l’incomunicabilità che si sta diffondendo nella società moderna. Frammenti, infatti, che può essere considerato come una critica a quella che l’autrice considera la morte del dialogo.

Il testo è strutturato come due lunghi monologhi intrecciati di un uomo e una donna, che sembrano parlarsi; in realtà questo non avviene mai. Ci sono pochi e precisi momenti nella drammaturgia in cui i due personaggi si guardano, ma in realtà avvertono solo delle presenze. I pochi istanti in cui si guardano, rappresentano una sorta di speranza, come se i due personaggi tanto lontani riescano ancora a trovare dei punti in comune.

Preso singolarmente il testo è molto aperto e può essere interpretato in diversi modi. Nel metterlo in scena abbiamo deciso che i due personaggi, per tutta la durata dello spettacolo, si stanno preparando per un evento. L’ansia per questo evento, che non sapremo se avverrà o no, porta i personaggi a sfogarsi e a parlare con le proprie identità, con i propri frammenti, dando voce a pensieri che prima altro non erano che silenzio.

Potremmo considerarlo come uno sfogo, ma uno sfogo continuo spesso illogico. Per ogni personaggio vi è un oggetto fondamentale: per lui una borsa di cuoio, per lei una cesta di vimini. Questi due oggetti rappresentano il tempo passato e quello futuro. Lo spettacolo vuole mettere in scena la realtà della vita contemporanea, una realtà dove il dialogo comincia a perdere importanza e dove l’ascolto non esiste più.

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione