Cue Press presenta due nuovi libri digitali

CUE PRESS
editoria digitale per il teatro
www.cuepress.com 

Bologna, Arena del Sole – Sala Interaction
Mercoledì 9 aprile, ore 18
ingresso libero

Presentazione dei libri pubblicati da Cue Press
“La Trilogia della Sicilia”
di Enzo Vetrano & Stefano Randisi
e “Totò e Vicé”
di Franco Scaldati
con la partecipazione di
Enzo Vetrano e Stefano Randisi, autori della ‘Trilogia’
Mattia Visani, curatore della Trilogia e editore di Cue Press
Filippa Ilardo, curatrice del libro ‘Totò e Vicé’
Giovanni Azzaroni, Gerardo Guccini, Marco De Marinis, docenti del Dipartimento delle Arti, Università di Bologna

In concomitanza con le repliche (3-13 aprile) di ‘Totò e Vicè’ di Franco Scaldati
regia e interpretazione di Enzo Vetrano e Stefano Randisi
E’ un’occasione per incontrare il fervente e intenso lavoro della giovane casa editrice Cue Press, che punta sul futuro e sulle nuove tecnologie per rilanciare il teatro e la sua memoria, per conversare di drammaturgia e editoria digitale, l’incontro di mercoledì 9 aprile alle ore 18 presso la Sala Interaction dell’Arena del Sole di Bologna.
Verranno presentati i libri digitali “La Trilogia della Sicilia” raccolta di opere di Enzo Vetrano e Stefano Randisi dal 1982 al 1987, per la prima volta pubblicate, a circa trent’anni di distanza dall’epoca in cui furono concepite, e “Totò e Vicé” di Franco Scaldati.
Il Principe di Palagonìa, Mata Hari a Palermo, L’isola dei Beati sono testi, che compongono “La Trilogia della Sicilia”, folli ed esilaranti che raccolgono spunti e suggestioni dalla terra di origine dei loro autori, sketches di una Sicilia che, al tempo di queste produzioni, Vetrano e Randisi avevano lasciato da circa dieci anni. Un luogo della memoria, come Rimini lo fu per Federico Fellini. In tre diverse cornici artistiche – quella del racconto storico, fantascientifico e della spy story – Vetrano e Randisi si cimentato in una enorme varietà di linguaggi teatrali e non-teatrali, in un numero sterminato di personaggi e situazioni. Il tutto tenuto insieme dal legame con la loro terra, sempre sullo sfondo, e da un’urgenza espressiva che non risparmia realismo e parodia. L’operazione editoriale intercetta un filone profondo della produzione del duo palermitano e fa riaffiorare un modello sano di produzione artistico-culturale, insieme al ricordo di un’epoca di sostanziale e diffuso benessere.

“Totò e Vicé” è, invece, un testo scritto nel 1993, ricomposto e ridisegnato da Franco Scaldati poco tempo prima della sua scomparsa, avvenuta nel giugno del 2013: pesato e progettato dall’autore per l’occasione di questa pubblicazione.
Poetici clochard nati dalla fantasia di Franco Scaldati (poeta, attore e dramaturg), “Totò e Vicé” sono due personaggi, legati da un’amicizia reciproca assoluta, che vivono di frammenti di sogni in bilico tra la natura e il cielo, in un tempo imprendibile tra passato e futuro, con la necessità di essere in due, per essere.

Durante la serata, alla quale parteciperanno Enzo Vetrano e Stefano Randisi, Marco De Marinis, Gerardo Guccini, Giovanni Azzaroni, docenti del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, Mattia Visani, curatore della “Trilogia” e editore di Cue Press, Filippa Ilardo, curatrice del libro “Totò e Vicé”, saranno proiettati e mostrati al pubblico i libri digitali pubblicati da Cue, mentre Vetrano e Randisi leggeranno alcune brani tratti dalla commedia. Alle ore 21.30 i due attori saranno in scena (sino al 13 aprile) con “Totò e Vicè”, da loro anche diretta.

Cue Press è la prima casa editrice digitale italiana interamente dedicata al teatro, il cui progetto prevede il recupero di opere non più disponibili o di difficile reperibilità, e di nuove rilevanti proposte. Questa doppia linea editoriale può contare sui maggiori studiosi e importanti drammaturghi della scena nazionale, guardando al mercato europeo e al futuro dell’editoria.
In lingua inglese cue significa “battuta, battuta iniziale, attacco, imbeccata, suggerimento”. Il termine gioca con l’omofonia tra “cue” e “queque” che significa “coda, fila di persone”. Dunque “cue press” corrisponde all’esclamazione: “Fate la calca!”.
Cue Press è fondata da Mattia Visani, che dopo aver pubblicato i suoi studi per la Ubulibri di Franco Quadri, ha cominciato questa avventura editoriale con l’intento di realizzare una della maggiori “biblioteche multimediali” dedicate al teatro, e che oggi conta di un catalogo con quasi cinquanta titoli avvalendosi della collaborazione di studiosi e autori contemporanei che, contribuendo con le loro opere, hanno accolto con entusiasmo l’innovativa e articolata proposta di Cue Press.
Il catalogo annovera le opere di Giovanni Azzaroni, Eugenia Casini Ropa, Fabrizio Cruciani, Marco De Marinis, Silvana De Vidovich, Hans Drumbl, Clelia Falletti, Siro Ferrone, Raimondo Guarino, Gerardo Guccini, Cristina Jandelli, Giuseppe Liotta, Sandro Lombardi, Fausto Malcovati, Sara Mamone, Lorenzo Mango, Laura Mariani, Luciano Mariti, Ferruccio Marotti, Stefano Mazzoni, Claudio Meldolesi, Cesare Molinari, Laura Olivi, Franco Perrelli, Marzia Pieri, Oliviero Ponte di Pino, Paolo Puppa, Franco Ruffini, Nicola Savarese, Mirella Schino, Ferdinando Taviani, Federico Tiezzi, Alessandro Tinterri, Ludovico Zorzi. A questi bisogna aggiungere le opere dei grandi teorici della scena quali Appia, Craig, Mejerchol’d, Tairov, Stanislavskij, Vachtangov.
Tra i testi drammatici compaiono quelli di Marco Martinelli, Franco Scaldati, Marie Ndiaye (Premio Goncourt 2009), Roland Schimmelpfennig (l’autore tedesco del momento, per la prima volta in Italia grazie a CUE), Elena Bucci e Marco Sgrosso.
Andrea Porcheddu realizzerà una serie di guide turistiche dedicate alla vita teatrale di alcune città del mondo.

Tra i lavori già pubblicati si ricordano il volume La danza e l’agitprop, I teatri – non teatrali nella cultura tedesca del primo Novecento di Eugenia Casini Ropa, testo che ha aperto la collana ‘I SAGGI’ e Brecht regista – Memorie dal Berliner Ensemble, di Claudio Meldolesi & Laura Oliva, con prefazione di Marco De Marinis.

Per la collana ‘I TESTI’ oltre alla citata “Trilogia della Sicilia” è pubblicato e verrà presentato a breve Visita al padre di Roland Schimmelpfennig, con prefazione di Roberto Menin, opera pubblicata in Germania nel 2007, vincitrice del Nestroy- Theatrepreis.

L’intento è quello di coniugare e perpetuare il contributo e la memoria di artisti e studiosi di assoluto rilievo, garantendo una altissima qualità del prodotto.
Tutte le nostre pubblicazioni saranno presto edite in modalità print on demand (stampa su richiesta). Parte importante del progetto editoriale è legata anche alla traduzione, in più di una lingua, dei testi proposti all’interno del catalogo e alla loro distribuzione sul mercato estero.

Il libro, allo stato attuale, è presentato in un formato duplice: la prima versione, che attualmente rappresenta quella di punta della casa editrice, è stata progettata per la piattaforma iOS di Apple, fruibile attraverso iPad, iPad mini e Mac, facilmente scaricabile dall’iTunes store; la seconda versione sarà proposta in formato ePub, pensata per ogni tipo di utenza e per tutti i dispositivi di lettura. Sarà distribuita in tutte le principali librerie online: Amazon, IBS, La Feltrinelli, Librerie Rizzoli, Ultima Books, Barnes & Noble, KoboBooks, ecc.
Grazie all’intesa con Chia Lab, noto studio di comunicazione bolognese e partner del progetto, Cue Press sarà nelle condizioni di seguire lo sviluppo tecnologico delle proprie pubblicazioni ben oltre i formati finora proposti. Dal 2014, infatti, la casa editrice sbarcherà sulla piattaforma di editoria digitale che Chia Lab sta ultimando, una delle più evolute piattaforme per la lettura su strumenti tecnologici. Sviluppata da Chia Lab in collaborazione con uno dei principali editori italiani, si imporrà ben presto come uno dei più elevati standard dell’editoria digitale italiana, e non solo. Lettura su browser, strumenti per facilitare il lavoro dei traduttori, massima protezione dei contenuti, sono solo alcune delle caratteristiche offerte da uno strumento che permetterà a Cue Press di inserirsi nel mercato globale.
Cue Press si prepara così al futuro, e il futuro è già presente.

Cue Press
Via Aspromonte 16a
40026 Imola (Bologna) – Italy
+39 333 2248590
www.cuepress.com 
info@cuepress.com 
https://facebook.com/CuePress 
https://twitter.com/CuePress 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione Parolibero

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->