Qual è il costo di un trasloco e cosa concorre a formare il prezzo?

Qual è il costo di un trasloco e cosa concorre a formare il prezzo?

Traslocare è l’attività più stressante che vi possa essere per moltissimi Italiani, ma a quanto dicono le statistiche non solo per loro. In Inghilterra pare che  sia comunemente considerata una cosa più logorante di una pratica di divorzio, che è tutto un dire. Tutto questo si vedrebbe sotto tutt’altra ottica se si pensa ad un trasloco affidandosi a personale professionale. A volte non si chiama una ditta di traslochi perché si crede che il costo traslochi possa essere alto, ma in realtà non è così. Il preventivo è sempre inferiore di quello che si crede: si tende a immaginare che sia una spesa onerosa e non economica per il semplice fatto che è pesante e faticoso.

Costo trasloco: prezzi e cosa comprende

I prezzi dei traslochi sono molto variabili, infatti oggi le ditte propongono soluzioni su misura in base alle esigenze degli utenti.

Quasi fai da te (quasi!)

Se una persona ha esperienza e amici/conoscenti a disposizione per un aiuto è possibile per esempio una soluzione super economica che può partire da un costo di 250 euro. In questo caso lo smontaggio degli arredi e il successivo rimontaggio viene fatto in autonomia, così anche l’imballaggio degli oggetti. La ditta a questo prezzo conveniente mette a disposizione un autista e un mezzo da 25metri cubi per il trasporto. Questi provvederà alla sistemazione delle cose sul camion, basterà riporle lì vicino. Se si ha bisogno di un aiuto è possibile aggiungere un servizio di facchinaggio.

Soluzione classica (economica)

Se si ha bisogno di una mano in più è possibile scegliere una soluzione classica, pur sempre economica. In sostanza è indispensabile solo preparare le scatole con gli oggetti, mentre i traslocatori penseranno a smontare i mobili. Il tutto verrà poi caricato sul mezzo e le cose verranno portate nel nuovo appartamento. Il costo di questa formula è variabile. Di norma per stabilire un prezzo si usano come parametro i metri quadri della casa da sgomberare. Il costo è di 16 euro circa al metro, tutto dipende però dai casi. Un piano sopraelevato o in condizioni particolarmente complicate, il prezzo può lievitare.

Soluzione “chiavi in mano”

Se proprio non si vuole annusare nemmeno da lontano lo stress di un trasloco è possibile scegliere la soluzione tutto incluso. Che cosa si deve fare? Nulla. I facchini della ditta di traslochi provvederanno a imballare le cose perfettamente e con cura nelle scatole, etichettandole per ambiente. Provvederanno poi a smontare gli arredi e a portare tutto nella nuova casa, rimontando i mobili e sistemandoli come indicato. Il costo di un trasloco di questo tipo è di 22 euro al metro quadro. In linea di massima si può dire che un trasloco medio economico costi circa 600 euro, mentre uno all inclusive circa 1.000 euro.

Se occorrono autorizzazioni, permessi o altre cose burocratiche sarà la ditta ad occuparsene. Se ci sono arredi che vanno smaltiti perché non si vogliono più è possibile richiedere anche questo servizio. Lo stesso se ci sono mobili che si vogliono conservare, ma non si ha uno spazio adeguato: le ditte di traslochi più strutturate offrono anche un servizio di deposito.

Articolo Sponsorizzato

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione