Estrattori di succo: cosa sono e perché sceglierli

Estrattori di succo: cosa sono e perché sceglierli

Di recente, nel settore degli elettrodomestici, hanno riscontrato grande consenso gli estrattori di succo. Come mai? Perché permettono di ottenere bevande salutari, con cui nutrire al meglio l’organismo. Infatti, secondo i nutrizionisti è importante riuscire a consumare almeno 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. Tuttavia, non è sempre facile riuscirci, soprattutto se si deve fare i conti con una vita frenetica e se la consistenza di questi alimenti non è particolarmente gradita.

Con gli estrattori è possibile risolvere questi problemi, in quanto consentono di introdurre tutti i nutrienti essenziali, come vitamine, enzimi e minerali, senza fare troppo fatica. Inoltre, è bene sottolineare che, consumando alimenti solidi, i tempi di digestione si allungano, mentre assumendo alimenti in forma liquida, è possibile assorbire tutte le proprietà in maniera rapida. Ma vista l’ampia gamma di prodotti in commercio, quali sono gli estrattori migliori?

Rispondere a questa domanda non è facile, in quanto molto dipende dalle necessità individuali e dallo stile di vita che si conduce. Tuttavia, è bene sottolineare che esistono degli apparecchi di eccellenza, che è bene valutare in fase di acquisto. Per individuarli è necessario andare sui siti che trattano in maniera specializzata questo genere di articoli. Quelli migliori si riconoscono perché riportano una classifica con le proposte più gettonate e valide del momento.

Estrattori e centrifughe: sono la stessa cosa?

La maggior parte dei consumatori tende ad identificare gli estrattori con le centrifughe, che sono sul mercato da più tempo. Tuttavia, si tratta di due prodotti ben distinti, che assicurano risultati differenti. Di fatto, la centrifuga produce succhi, attraverso la rotazione rapida di una lama rotante.

In questo modo si ottiene una spremitura a caldo, che va ad alterare i nutrienti contenuti nei vari alimenti. L’estrattore, invece, permette di preparare gustosi succhi di frutta e di verdura, avvalendosi di una coclea, che gira più lentamente, in modo da non surriscaldare gli ingredienti, preservandone le proprietà contenute al loro interno.

Risulta, quindi, abbastanza chiaro che sia meglio puntare agli estrattori piuttosto che alle tradizionali centrifughe. Una volta fatta chiarezza in tal senso, però, è importante capire quali siano gli aspetti importanti da considerare in fase di scelta, in modo da muoversi rapidamente ed evitare di commettere errori.

Scegliere l’estrattore giusto: come fare?

Individuare l’estrattore di succo più adatto alle proprie necessità, come ricordato in precedenza, può non essere facile, soprattutto se non si è degli esperti, in quanto i modelli disponibili sul mercato sono davvero numerosi. Tuttavia, i fattori da considerare per agire al meglio non sono molti. Prima di tutto è bene fissare il budget di spesa. Pensi che non sia importante? In realtà lo è, poiché consente di attuare un’importante scrematura, in quanto impone di non considerare i modelli troppo costosi.

Tuttavia, si consiglia di non indicare una cifra eccessivamente contenuta, in quanto la qualità verrebbe meno, così come la durata nel tempo. Una volta affrontato questo argomento, invece, è bene considerare la coclea, che è l’elemento più importante degli estrattori. Ne esistono di due tipi: orizzontali, che sono ingombranti, ma agiscono bene su frutta e verdura, o verticali, che sono più contenute, ma meno performanti.

Degni di nota, però, sono anche i filtri, che possono essere classici, ovvero poco resistenti, ma in grado di garantire un succo eccellente, e in plastica, che hanno un’elevata durata, ma producono un prodotto non sempre gustoso. Infine, da considerare è anche il design, in quanto anche l’occhio vuole la sua parte. Fortunatamente, la maggior parte dei prodotti disponibili in commercio ha uno stile accattivante e curato.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione