All’Orologio in scena le Presidentesse

Teatro Dell’Orologio, 24–25 gennaio ore 21.00 – domenica 26 gennaio ore 17.30
Nerval Teatro
LE PRESIDENTESSE
di Werner Schwab
traduzione Umberto Gandini
riduzione drammaturgica Rita Frongia
con Elisa Pol, Federica Rinaldi, Maurizio Lupinelli
regia Maurizio Lupinelli
assistente alla regia Michele Bandini
costumi Maria Chiara Grotto
disegno luci Giacomo Gorini

produzione Nerval Teatro
in coproduzione con Armunia Festival Inequilibrio
con il sostegno della Regione Toscana

Le presidentesse di Werner Schwab è una farsa feroce che denuncia i conformismi, le ipocrisie religiose e la violenza verbale e fisica celata sotto l’apparente quiete dei rapporti umani.
In una cucina tre personaggi femminili, come maschere di uno squallido teatrino popolare, si raccontano alternando sferzante ironia e grottesca comicità, con repentine discese nel tragico.
Le presidentesse costituisce la seconda tappa di Progetto Schwab, percorso triennale che Nerval Teatro dedica al mondo e al linguaggio dell’autore austriaco. La scrittura di Schwab costringe a trasformare il linguaggio in carne umana; i suoi personaggi devono avere il dono o l’umiltà di lasciarsi trasfigurare nel corpo, inciampare nella pulsazione e nel fremito.
La presenza dell’attore diventa indispensabile per lo sprofondamento della lingua nel corpo, in un teatro capace di restituire il rumore della vita.

Nerval Teatro nasce a Ravenna nel 2007, fondata da Elisa Pol e Maurizio Lupinelli. Nel medesimo anno debutta ad Armunia Festival Costa degli Etruschi con lo spettacolo Marat, liberamente tratto dal Marat-Sade di Peter Weiss. Nel 2009 con il progetto L’incontro mancato, Nerval Teatro avvia un percorso di lavoro sul senso del corpo e tutte le sue contraddizioni, mancamenti, inciampi. A partire dal 2010 inizia una riflessione sull’universo disturbante e ribelle dell’autore austriaco Werner Schwab.

www.nervalteatro.it

Teatro dell’Orologio
Via de Filippini 17/A
orari: tutte le sere ore 21.00 – domenica ore 17.30
biglietto: € 8
tel: 066875550

 

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione Parolibero

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->